.
Annunci online

blog letto: 1 volte

Resta aggiornato con i feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Parlare di Homs

Homs è la città dei martiri siriani. Muoiono donne, giovani, tanti bambini. E' il luogo simbolo della mattanza di Assad, dittatore di Damasco che qualcuno anche a sinistra difende e di fatto tutela. Una tutela, in realtà, garantita soprattutto dall'inazione della comunità internazionale. Che non fa nulla per fermare questo massacro, in cui sono morti fino ad oggi 14mila civili. Alla Camera ho ritenuto utile parlare di Siria.


Diteci cosa dobbiamo fare

11 aprile 2007

Oggi si riunisce la commissione di garanzie congressuali della Margherita. E' il giorno decisivo per la nostra battaglia cominciata nell'ottobre del 2006 con una serie di articoli su Europa e di post su questo blog. La prima fase si chiuse con una lettera aperta a Francesco Rutelli, pubblicata il 19 ottobre 2006 su Europa, che contestava i metodi del tesseramento e i congressi che di lì a pochi mesi si sarebbero aperti, articolando anche alcune proposte a nostro modo di vedere risolutive. Non ci è stata data risposta.

Qualche parlamentare ci disse: aspettate i congressi, vedrete che partecipazione, i vostri dubbi si dissiperanno. Abbiamo atteso i congressi, non molto convinti: un tesseramento falsato, gonfio di milioni di euro fatti piovere chissà da dove, visto che in pochissimi hanno pagato l'iscrizione alla Margherita da sé, ci sembrava un presupposto viziato su cui basare qualsiasi processo. Ma per senso di responsabilità abbiamo atteso per vedere e verificare.

I direttisti di Generazione U sono andati poi armati delle loro "mazzafionde virtuali" (blog, videofonini, accessi bluetooth, account su YouTube) ai congressi locali. Abbiamo verificato quello di Roma, quarantanovemila iscritti, meno del dieci per cento dei quali hanno votato, lo stato maggiore del partito fa finta di niente e dichiara oltre quindicimila votanti. Ma noi c'eravamo. Filmiamo con i nostri cellulari il vuoto mentre parla Francesco Rutelli, il vuoto assoluto durante il cosiddetto dibattito. Ci fidiamo ancora di chi vuole farci tenere la nostra mobilitazione all'interno del partito e presentiamo ricorso alla commissione garanzie congressuali, che in effetti considera ricevibile il nostro ricorso e chiede i verbali ai dirigenti. Li chiede tre volte, per tre volte i dirigenti fanno orecchie da mercante e i verbali non li consegnano. Sarebbero verbali falsi, chi controfirmasse la presenza di oltre quindicimila votanti compirebbe un falso palese, nessuno si azzarda a farlo. Ma si fa come se tutto fosse stato regolare.

Si tengono i congressi regionali, anche se pendono altri quarantaquattro ricorsi come il nostro, sui congressi svolti in quindici regioni. Altre centinaia di ricorsi vengono respinti, ma quarantaquattro sono pendenti. Oggi la commissione di garanzie congressuali si riunisce e delibera.

Tira una brutta aria. C'è chi sosterrà la nostra battaglia di questi mesi, ma l'accordo tra popolari e rutelliani produrrà una decisione a maggioranza che annullerà la nostra sete di legalità democratica. Il Pd partirà con un vulnus: il congresso della Margherita è falsato da un tesseramento totalmente irregolare ed economicamente gestito in maniera ambigua (chi ha messo i soldi? Con quali finalità? Come li riotterrà indietro?), da congressi locali illegittimi anche rispetto al morbido regolamento che il partito s'era dato, da delegati che sono stati espressi da un percorso semplicemente a-democratico.

Cosa dobbiamo fare ora? Ditecelo voi.

I direttisti di Generazione U attendono una parola. A questo punto, di Francesco Rutelli. Una parola che azzeri i congressi illegittimi e convochi l'assemblea federale in sede congressuale, lasciando a questo organo il potere di sciogliere in partito in vista del Partito democratico. Vogliamo il riconoscimento politico delle nostre ragioni e non faremo sconti. Altrimenti?

Altrimenti faremo quel che ci direte di fare e quel che sappiamo, presso tutte le sedi, compresa quella giudiziaria con procedura d'urgenza per bloccare lo svolgimento di un congresso nazionale della Margherita palesemente illegittimo. Il Partito democratico non può nascere da un'assenza di democrazia, un partito nuovo non può nascere dalla somma di tutti i peggiori vizi dei partiti vecchi. Non possiamo lasciar passare l'esercito persiano senza opporci.

sfoglia
  
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Info del giorno
Sondaggio
La durata di Silvio

Create polls and vote for free. dPolls.com


--