.
Annunci online

blog letto: 1 volte

Resta aggiornato con i feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Parlare di Homs

Homs è la città dei martiri siriani. Muoiono donne, giovani, tanti bambini. E' il luogo simbolo della mattanza di Assad, dittatore di Damasco che qualcuno anche a sinistra difende e di fatto tutela. Una tutela, in realtà, garantita soprattutto dall'inazione della comunità internazionale. Che non fa nulla per fermare questo massacro, in cui sono morti fino ad oggi 14mila civili. Alla Camera ho ritenuto utile parlare di Siria.


Analisi di una disfatta

30 marzo 2010

Sono un militante del Partito democratico, ne sono stato fondatore e dirigente nazionale, per disciplina di partito ho votato secondo le indicazioni anche se non ho mai fatto mistero di non condividere la candidatura espressa nel territorio dove vivo (espressa, poi, è una forzatura: il Pd è andato a rimorchio di un'autocandidatura per assenza di coraggio e assenza di alternative). Oggi vivo il dolore di una sconfitta pesante. E non serve leggere Repubblica o ascoltare qualche colonnello o soldatino di partito che prova a addolcire la pillola. La pillola è amara e non cura dal disagio provocato dalla domanda: come mai risulta impossibile a questo centrosinistra battere la peggiore destra populista d'Europa guidata da un tycoon che fa il baciamano a Gheddafi? Proviamo a rispondere.

1. Non battiamo la destra perché la classe dirigente del principale partito del centrosinistra, il Partito democratico, è composta sempre dalle stesse facce per niente credibili, facce di chi non ha vissuto solo di politica e non ha mai lavorato un giorno in vita sua, facce di persone che non hanno più uno straccio di un'idea, facce di persone che hanno un solo interesse: salvaguardare il proprio potere (e alla voce "rinnovamento" piazzano i propri giovani servitori, vedi la strepitosa "segreteria dei segretari") e i benefici economici che ne derivano. Questo problema di credibilità, staticità, incapacità di reale rinnovamento rende ovviamente questi potenti anche molto arroganti e mistificatori. In queste ore in cui dovrebbero solo presentare le dimissioni e chiedere scusa per aver portato un grande progetto come quello del Pd a schiantarsi sul muro dell'indifferenza degli italiani, hanno il coraggio di provare a raccontare che in realtà hanno vinto. Roba da Tso.

2. Non battiamo la destra perché non capiamo più il paese. Non sappiamo cogliere le energie nuove e migliori che emergono in particolare dalla rete e dalle nuove generazioni (il successo di Grillo viene addirittura imputato come colpa, come se candidarsi possa essere considerato un reato in democrazia). Ai piani alti di via Sant'Andrea delle Fratte guardano tutto questo dall'alto in basso, il Movimento Cinque Stelle veniva definito una "cialtronata", così come la candidatura di Grillo alle scorse primarie, quando da queste parti si provò a spiegare che conveniva "costituzionalizzare" il grillismo accogliendolo all'interno del Pd anche con tutto il suo carico dirompente. Figurarsi però se i chierici potevano accettare chi alza la voce in chiesa. Però quei chierici tradivano il progetto originario del Pd: che voleva essere un incrocio di culture innovative e progressite. Non il luogo di salvaguardia di nostalgie regressiste novecentesche.

3. Non battiamo la destra perché abbiamo deciso di mortificare i cattolici, di farli sentire estranei al progetto del centrosinistra. Si gioisce quando va via Paola Binetti, si gioisce quando va via Francesco Rutelli, si gioisce quando va via Dorina Bianchi, si gioisce quando va via Enzo Carra, si gioisce quando va via Renzo Lusetti. Di più, non solo si gioisce: si afferma che queste personalità non sono significative, che il "vero mondo cattolico" (traduzione: quello che non rompe le scatole con i temi propri della sua identità) in realtà resta fedele al Pd. Il risultato è ovvio. A Roma in due anni il Pd ha perso il dodici per cento, un terzo dei suoi consensi. Più o meno il valore della Margherita, il partito che insieme ai Ds diede vita al Pd. Che ora potrebbe tranquillamente tornare a chiamarsi Pds.

4. Non battiamo la destra perché proviamo ad ostacolare ogni elemento "spurio" rispetto alla logica delle cricche che domina il Partito democratico. Il caso più clamoroso è quello di Nichi Vendola, ostacolato al limite dell'odio da parte dei ras delle tessere pugliesi. Massimo D'Alema è il simbolo vivente di un leader del passato che non riesce a capire cosa stia cambiando nel paese e come possa essere vivificata l'esperienza del centrosinistra da elementi non irreggimentabili nella triste ortodossia della disciplina post-comunista. Vendola però vince lo stesso e accende una fiammella di speranza su un futuro che potrebbe vedere il centrosinistra prima o poi tornare alla vittoria anche a livello nazionale.

5. Non battiamo la destra perché non siamo stati capaci di fare del Pd il terreno della buona politica reinventata secondo il tempo nuovo che è avanzato in fretta come non mai.

Ora dobbiamo portare un'istanza di rinnovamento fortissima al quartier generale del Partito democratico. Dobbiamo provocare una rivoluzione interna, mettere in crisi un sistema di potere che cercherà semplicemente di sfangare questi tre-quattro giorni di polemiche (magari aggiustando qualche organigramma, così i colonnelli che minacciano scissioni se ne stanno buoni e le minacciano proprio per questo) per poi avere tre anni di inciucio con Berlusconi che ci consegneranno al dramma del 2013.

E io nel 2013 non voglio ritrovarmi in un'Italia presidenzialista, con un centrosinistra culturalmente succube e frantumato, attendendo l'ennesima vittoria di Sllvio Berlusconi e della Lega. E' il peggiore dei miei incubi. Ma sarà realtà se lasceremo il Pd in mano a questi dirigenti incapaci che l'hanno portato alla disfatta.




permalink | inviato da marioadinolfi il 30/3/2010 alle 12:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (91) | Versione per la stampa

sfoglia
  
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Info del giorno
Sondaggio
La durata di Silvio

Create polls and vote for free. dPolls.com


--