.
Annunci online

blog letto: 1 volte

Resta aggiornato con i feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Parlare di Homs

Homs è la città dei martiri siriani. Muoiono donne, giovani, tanti bambini. E' il luogo simbolo della mattanza di Assad, dittatore di Damasco che qualcuno anche a sinistra difende e di fatto tutela. Una tutela, in realtà, garantita soprattutto dall'inazione della comunità internazionale. Che non fa nulla per fermare questo massacro, in cui sono morti fino ad oggi 14mila civili. Alla Camera ho ritenuto utile parlare di Siria.


Enciclopedia dei blogger, edizione 2006 - 8. I blogger non cannocchialeschi

10 agosto 2006

Non possiamo essere cannochialocentrici. E' vero che una delle caratteristiche della nostra comunità è quella di vivere con l'occhio puntato al proprio interno. Ma c'è tutto un mondo, là fuori. Un mondo di blog che ogni mattina sarebbe bene almeno scorrere distrattamente. No, non mi sto riferendo solo a Luca Sofri (Wittgenstein) e Christian Rocca (Camillo) o anche a Labranca, che non meritano lo status di blog. Negano infatti agli interlocutori la possibilità del commento, elemento decisivo della differenza tra normale sito personale e blog. Azzardiamo una definizione: dicesi blog quel sito web che raccoglie racconti, notizie e opinioni prevalentemente personali o di piccoli gruppi di persone, stimolando una forma di comunicazione orizzontale, cioè paritetica tra chi propone il tema (post) e chi ad esso si aggancia per offrire il proprio punto di vista. In sostanza, il blog è l'unico luogo della comunicazione moderna in cui autore e lettore sono esattamente allo stesso livello. E' una caratteristica unica e mai sperimentata in precedenza, che fa sì che questa forma di comunicazione abbia così successo. E fuori dal Cannocchiale, leggetevi costoro.

Categoria blog stranieri (in realtà italiani, ma nati fuori dalle mura del Cannocchiale)

Beppegrillo: è attualmente in assoluto il blog più seguito d'Italia. Offre informazioni sempre spiazzanti, di certo interessanti, nello stile savonarolesco del comico genovese. Il grado di interazione è altissimo: ogni post raccoglie sempre più di trecento commento e in alcuni casi si sfiora il migliaio. Attraverso MeetUp Grillo ha costruito una serie di comunità sul territorio, collegate al suo blog, che sembrano l'embrione di un partito politico e somigliano vagamente alle sezioni del bel tempo che fu. Giudizio: @@@@@. Consiglio: non indulgere alla tentazione di verticalizzare la comunicazione, dandosi le arie da santone che parla alle plebi.

Zoro: è il blog di Diego Bianchi, responsabile dei contenuti del portale Excite e ad esso inevitablmente legato e per certi versi vincolato. Estremamente creativo, appoggiato dal talento dell'amico Amlo, ha generato anche una interessante trasmissione via webradio in occasione dei mondiali di calcio. Giudizio: @@@@. Consiglio: non serve essere scettici su tutto per dimostrarsi realmente di sinistra.

Insolitacommedia: blog di un impiegato quarantacinquenne particolarmente fecondo e frastagliato negli interessi, molto ben realizzato dal punto di vista dell'impatto grafico, ultimamente ha centrato sulle questioni politiche la maggior parte dei propri sforzi produttivi e, pare, dei propri interessi. Giudizio: @@. Consiglio: mettere in scena una commedia che sia davvero insolita.

Pandemia: è il blog di Luca Conti, un laureato trentunenne in Scienze Ambientali, appassionato di comunicazione. Probabilmente è uno dei blog più vivaci del momento, molto visitato anche per via del progetto di una classifica dei blogger italiani messa in campo per limitare la pervasività delle valutazioni di Technorati. Quando propone riflessioni su temi politici, ambientali e sociali è in grado di essere molto incisivo. Giudizio: @@@@. Consiglio: non appassionarsi troppo alla questione delle classifiche, che nel mondo blog lasciano il tempo che trovano.

Marco Campagna: blog di un dirigente trentatrenne della Margherita di Trapani, nato a Palermo, coordinatore di Generazione U per la Sicilia occidentale. Molto nitido nell'impianto grafico e molto netto nelle opinioni, è riuscito a sviluppare attorno a sé una comunità nutrita di siciliani interessati al rinnovamento della politica locale. Giudizio: @@@. Consiglio: ampliare l'orizzonte dei propri interessi.

Personalitaconfusa: tra i blog della comunità di Splinder, uno dei più noti ed apprezzati, punto di riferimento delle comunità gay della blogosfera italiana. I frammenti di vita vissuta, i personaggi vari che vi si affollano e che lo animano come molteplici autori, ognuno con le proprie caratteristiche, lo rendono un oggetto di culto per molti pionieri dei post. A chi vi arriva da esterno e di recente, offre la sensazione di una qualche confusione, legata alla frammentarietà dell'insieme. Giudizio: @@@. Consiglio: fornire il riassunto delle puntate precedenti.

Macchianera: è il blog di Gianluca Neri, fondatore di Clarence e recente scooparolo in barba alla Cia. In realtà è diventato un blog la cui formula è legata agli autori multipli che vi si avvicendano. Anche Neri, però, indulge nel vezzo di non interloquire con i suoi commentatori, sviluppando così una formula di comunicazione tutta verticale che tradisce la ratio e la natura stessa della forma blog. Ha arricchito la sua offerta di contenuti con una propria webradio, che però marcia a singhiozzo. Giudizio: @@@. Consiglio: non avere orrore del corpo a corpo nell'area commenti.

Sabellifioretti: diventato arcinoto grazie alle interviste realizzate per il Magazine del Corriere della Sera, Claudio Sabelli Fioretti è uno dei primi sperimentatori della comunicazione via blog in Italia. Giornalista sopraffino, fornisce una serie di notizie interessanti che spesso non si capisce come possano non occupare le prime pagine dei quotidiani. Sull'uccisione del povero ventiseienne brasiliano, ad esempio, ha raccontato dell'esistenza di un video artigianale subito fatto sparire dalla circolazione dagli inglesi. Giudizio: @@@. Consiglio: è assolutamente necessario rinnovare la grafica.

Progetto Mayhem: è il blog di Francesco Costa, giovane catanese interessato "alla politica e alla società", coordinatore di Generazione U per la Sicilia orientale. Genera opinioni spesso molto articolate sui fatti del giorno ed ha una spiccata capacità di analisi degli avvenimenti, in particolare politici. Giudizio: @@@. Consiglio: aumentare la densità e la dimensione quantitativa dei contenuti proposti.

Leibniz: capolavoro della comunicazione blog, l'autore è il giovane giornalista del quotidiano Il Tempo, Piero Macchioni. Semplice fino ad essere essenziale, modello di chiarezza e di impostazione grafica ordinata, Leibniz ha un occhio rivolto a tutto ciò che accade nella blogosfera italiana e mondiale, con un'attenzione maniacale per le novità e le escrescenze della comunicazione tradizionale non solo nel nostro paese. E' l'evoluzione delle spigolature della Settimana enigmistica. Giudizio: @@@@. Consiglio: dimostrarsi meno distaccato, provare ad eccitare gli animi, almeno di tanto in tanto.

Giudamaccablog: blog della comunità di Splinder che va per la maggiore in questo 2005, travolto da un'ondata di attenzione che somiglia molto ad una sorta di moda. Giudamaccablog oggi è un blog "che si porta", in realtà è assai sopravvalutato e il livello dei post affonda spesso dalle parti della banalità. Di tanto in tanto arriva un guizzo che lo rende comunque monitorabile. Giudizio: @@. Consiglio: provare a fare tesoro della notorietà acquisita, migliorando il livello qualitativo della produzione.

Ilmegliodelweb: Anna Masera, giornalista de La Stampa e curatrice di questo anomalo blog raggiungibile solo attraverso il sito del quotidiano torinese, ha il merito di essere stata la prima cronista ad aver acceso i riflettori dei grandi giornali nazionali sul mondo dei blog e della comunicazione web più in generale. In realtà il suo blog attuale è solo ciò che resta di un'operazione più ambiziosa del web de La Stampa in cui Marcello Sorgi ha la responsabilità di non aver creduto. Giudizio: @@@. Consiglio: recuperare il piacere di bloggare, altrimenti si vede che lo fa quasi per dovere.

Azioneparallela: l'unico vero blog figlio di seri studi filosofici. Allocato nella comunità di Splinder, è gestito da Massimo Adinolfi, che insegna filosofia all'università. Molto interessante una sua forma di classificazione dei blog più noti delle varie comunità italiane, assimilati a filosofi presocratici. Ovviamente il codice di lettura delle sue argomentazioni è sempre piuttosto complesso, ma almeno spesso (non ogni volta) ci risparmia le banalità. Giudizio: @@@. Consiglio: non godere dell'affiliazione a sistemi di potere consolidati, provare piuttosto a spiazzarli.

Ludik: blog storico di Luca Di Ciaccio, giovanissimo autore di Gaeta che per primo ha raccontato la rivoluzione che avveniva nel web italiano. Ha scritto, infatti, dei blog già nel 2001 sul mensile Mediajob. Era un tempo in cui i blog italiani aggiornati quotidianamente erano meno di cento. Oggi sono centomila. Evidentemente, ha avuto fiuto per la novità. Giudizio: @@@. Consiglio: non abbandonare proprio ora; si nota una qualche incostanza nella produzione.

Dariofranceschini: è il blog del coordinatore nazionale della Margherita, ospitato all'interno del suo bel sito personale. Franceschini è un esponente politico di assoluto rilievo nazionale e quindi sarà certamente pieno di impegni, ma il suo blog è assolutamente povero e l'ultimo post risale a più di quattro mesi fa. Eppure in occasione dell'anniversario della morte di Benigno Zaccagnini proprio il suo blog aveva ospitato il miglio dibattito sul leader dc scomparso nel 1989. Giudizio: @@. Consiglio: fidarsi di più delle potenzialità del mezzo.

Manteblog: Massimo Mantellini è l'autore di questo che è uno dei blog in assoluto più seguiti della blogosfera italiana. Ha assunto ultimamente quella fisionomia del minestrone che non consente di seguire più alcun tipo di filo conduttore. E' uno spreco di risorse, perché l'autore è intelligente e capace. Ma ormai si fa fatica a comprenderne la ratio. Giudizio: @@@. Consiglio: innovare, innovare, innovare e non solo nello stile.

Antoniobassolino: è di certo il miglior blog curato da una personalità politica italiana. Per la verità in campagna elettorale ha dato il meglio di sé e ora ha adottato una periodicità più sincopata e una qualità di produzione meno elaborata, ma non si può negare che il presidente diessino della giunta regionale campana abbia compreso a pieno il valore e anche la forma orizzontale della comunicazione via blog. Giudizio: @@@@. Consiglio: statt' accuort' preside', non scivolare (magari inconsapevolmente) nei post di maniera, tanto per riempire spazi bianchi.

Blognotes: è il blog di Giuseppe Granieri, che da blogger storico è passato al livello di studioso del fenomeno blog, avendo pubblicato un libro sull'argomento per l'editore Laterza ("Blog generation"). I nuovi toni da guru forse non gli si addicono pienamente. Ha fatto tenerezza a molti quando il suo indirizzo di posta elettronico storico ("creato nel 1995") ha smesso di funzionare. Un vero web addicted. Giudizio: @@@. Consiglio: scrivere libri è cosa diversa da raccontarsi su un blog.

Paologentiloni: il ministro delle Comunicazioni ha il merito di aver scoperto e sperimentato per primo una funzionalità nascosta. Il suo blog contiene spesso notizie che gli permettono di risparmiare i costi dell'ufficio stampa e dei messaggeri classici delle trame politche. Tra le pieghe di molti post gentiloniani sono nascoste informazioni ancora non giunte al grande pubblico, oppure prese di posizione che danno immediatamente il polso della posizione della Margherita. Ha portato lo spirito del blogger anche sul sito del dicastero che guida. Giudizio: @@@@. Consiglio: provare ad accentuare il racconto dei dettagli e lanciarsi nel territorio delle vicissitudini personali.

Cantor: tra i redattori di Tocqueville, questo blogger è appena migrato dal Cannocchiale ad un proprio dominio di primo livello, reso ospitale per il blogging grazie a un magistrale utilizzo di Wordpress. Particolarmente attento all'attualità, con una lettura delle notizie originale ma molto legata alle posizioni dei "radicali di destra" (Della Vedova in primis), pur con qualche distinguo da non sottovalutare. Giudizio: @@@. Consiglio: lavorare sul terreno dello stupore.

Pennarossa: appartenente alla significativa galassia dei blog di sinistra, in posizione troppo spesso acritica, ma comunque non priva di momenti di originalità. Ha al suo attivo campagne che hanno trovato l'attenzione anche dei media tradizionali e ha quindi utilizzato in modo fecondo le potenzialità del blog. Giudizio: @@@. Commento: non avere paura di mettere in crisi con scelte editoriali inaspettate il proprio lettorato di riferimento.

Zeusnews: è il blog animato principalmente dal piemontese Pier Luigi Tolardo, direttamente collegato all'omonimo periodico on line dedicato ai temi della telematica e della tecnologia più in generale. Colma una lacuna relativa alla blogosfera italiana, quella dei blog tecnici, che pure hanno grande successo nelle realtà di lingua anglosassone. Si spinge in realtà su temi di politica e costume generali, ma dà il meglio di sé quando si occupa di Telecom, vera ossessione dei Tolardo boys. Giudizio: @@@. Consiglio: approfondire il racconto dei dilemmi tecnologici derivanti dall'era dell'accesso.

Robba: unico esempio di blog onirico di estrema qualità, curato da una giovane giornalista anonima che racconta una realtà impastata dai sogni. Gli episodi, i dettagli, le luci ed i colori sono resi per iscritto con un impianto che sembra poggiato su carta fotografica. Anche l'uso delle immagini, discreto e per niente invasivo, determina un risultato complessivo di assoluto rilievo. Giudizio: @@@@. Commento: non indulgere troppo in un impressionismo di maniera, che con la parola si sposa poco.

1972: tra i migliori blog della comunità di Splinder, con un punto di vista che si allarga con capacità alle tematiche internazionali. Appartiene culturalmente all'area della destra liberale italiana e contiene i consueti riferimenti filoamericani, ritrovandosi nel blog aggregator denominato Tocqueville. Appartiene alla schiera dei blog nati nel primo semestre del 2003: la classe dei veri pionieri della blogosfera italiana. Giudizio: @@@. Consiglio: non essere ideologicamente rigido, pur nell'apparente flessibilità di argomentazione.

ZetaVu: il cinquantenne Vittorio Zambardino firma con le sue iniziali rovesciate uno dei blog storici di Kataweb. Giornalista da sempre attento alle evoluzioni nel mondo dei media e delle tecnologie interattive, nella sua attuale produzione blog sembra attraversare un momenti di stanchezza, forse inevitabile dopo tanti anni da segugio. Giudizio: @@@. Consiglio: Prendersi una pausa, se le motivazioni si sono affievolite.

Webgol: è il blog di Antonio Sofi, realizzato in collaborazione con Enrico Bianda. Le pagine ospitano poi scritti abituali di una ventina di autori, sempre sotto la supervisione del trentenne Sofi, che insegna alla facoltà di Scienze della comunicazione dell'Università di Firenze. Il tono del blog è zibaldoniano e non a caso nasce come esperienza da un master di giornalismo on line. Un'idea nuova di webmagazine sotto la forma di blog. Giudizio: @@@. Consiglio: e se ne uscisse fuori una linea di pensiero?

Pulpfiction: Antonio Dipollina non è l'unico giornalista tenutario di un blog figlio in qualche modo della rubrica tenuta su un quotidiano nazionale. Sono suoi parenti prossimi i blog di Ernesto Assante, Federico Rampini e Maurizio Crosetti di Repubblica, così come i forum di Beppe Severgnini, Aldo Grasso e Mario Luzzato Fegiz del Corsera. Il blog di Dipollina è speciale perché sviluppa su ogni post un numero indescrivibile di commenti, quasi sempre più di mille, spesso più di millecinquecento. Una prova di popolarità indiscussa del critico televisivo del quotidiano diretto da Ezio Mauro. Giudizio: @@@@. Consiglio: immaginare un utilizzo ulteriore di questo fiume di parole generato dal blog.

Lindalanzillotta: il blog del ministro degli Affari Regionali denota un qualche interesse per l'apertura al dialogo con i cittadini, anche se dalla posizione di privilegio in cui l'autrice si trova. Molto interessante l'approccio dialettico, purtroppo ci si limita ad uno o due post al mese. Troppo poco. Giudizio: @@. Consiglio: lei che sa come si fa, deve fare molto ma molto di più.

Karlettomarx: è il blog del ventitreenne Lucio Iacono, studente di filosofia che si definisce "comunista, in tutti i significati che questa parola evoca, per meglio specificare comunista-per-tutti-i-sud-del-mondo". I contenuti sono conseguenti, ma percorsi anche di tanto in tanto da un gradevole filo di ironia. Giudizio: @@@. Consiglio: non è obbligatorio essere monocromatici.

Butirrometro: blog del ventiseienne Mirko Morini che vive a Ferrara ed è dottorando in Ingegneria. E' stato protagonista di una spiacevole vicenda di querela da parte di un giornalista Rai, ma poi ha benificiato dell'indulto. E' suo malgrado simbolo della guerra che si svilupperà tra vecchi e nuovi media. L'impressione è che, per via della querela, abbia stemperato le punte polemiche della sua produzione. Gravita nell'area politica della Rosa nel Pugno. Giudizio: @@@. Commento: non vivere nell'imitazione o nella venerazione di blog altrui.



permalink | inviato da il 10/8/2006 alle 14:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

sfoglia
  
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Info del giorno
Sondaggio
La durata di Silvio

Create polls and vote for free. dPolls.com


--