.
Annunci online

blog letto: 1 volte

Resta aggiornato con i feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Parlare di Homs

Homs è la città dei martiri siriani. Muoiono donne, giovani, tanti bambini. E' il luogo simbolo della mattanza di Assad, dittatore di Damasco che qualcuno anche a sinistra difende e di fatto tutela. Una tutela, in realtà, garantita soprattutto dall'inazione della comunità internazionale. Che non fa nulla per fermare questo massacro, in cui sono morti fino ad oggi 14mila civili. Alla Camera ho ritenuto utile parlare di Siria.


E ora avete rotto: diamo l'assalto ai diritti acquisiti

4 settembre 2006

La trattativa sulla previdenza è appena iniziata e già si profila la soluzione: permettere di andare in pensione anche prima dei sessant'anni, rifiutare l'equiparazione dell'età tra uomini e donne (che vivono mediamente di più), scaricare i costi sulle generazioni future. Nessuno si scandalizza, con l'eccezione di Massimo D'Alema, che per una volta dice la cosa giusta.

Facciamo di conto. Le pensioni che vengono erogate ogni anno sono 15,1 milioni per una spesa previdenziale per la sola Inps che nel 2008 supererà i 160 miliardi di euro. Complessivamente si ipotizza che possano essere erogate pensioni ogni anno per circa 200 miliardi di euro, in media mille euro al mese a pensionato per tredici mensilità.

Le generazioni dei nati negli Anni Settanta, intanto, se la devono vedere con un sistema creditizio che impedisce loro persino di acquistare la prima abitazione, la conseguenza è che si resta a casa fino ad oltre i 35 anni, che le energie progressivamente si fiaccano attaccati alla gonna di mamma e alla decisiva integrazione di reddito ricavata dalla pensione del papà e della nonna. Risultato finale: la paralisi dello sviluppo del paese, l'assenza di rappresentanza e persino di coscienza di sé di un'intera generazione.

Il nodo è quello della previdenza: il molto che ricevono i pensionati deve essere almeno minimamente ripartito con le generazioni che rischiano seriamente di avere pensioni da fame. Un contributo di solidarietà pari all'uno per cento della spesa pensionistica corrente offrirebbe un fondo di 2 miliardi di euro annui che io destinerei, ad esempio, ad azzerare gli interessi dei mutui prima casa per le giovani coppie. Sarebbe l'avvio di un patto generazionale serio, diverso da quello attuali per cui le generazioni dominanti prendono tutto per sé e scaricano i costi sulle generazioni più giovani, cioè sulla nostra.



permalink | inviato da il 4/9/2006 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (84) | Versione per la stampa

sfoglia
  
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Info del giorno
Sondaggio
La durata di Silvio

Create polls and vote for free. dPolls.com


--