.
Annunci online

blog letto: 5774843 volte

Resta aggiornato con i feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

Parlare di Homs

Homs è la città dei martiri siriani. Muoiono donne, giovani, tanti bambini. E' il luogo simbolo della mattanza di Assad, dittatore di Damasco che qualcuno anche a sinistra difende e di fatto tutela. Una tutela, in realtà, garantita soprattutto dall'inazione della comunità internazionale. Che non fa nulla per fermare questo massacro, in cui sono morti fino ad oggi 14mila civili. Alla Camera ho ritenuto utile parlare di Siria.


Blogosfere e emozioni e uno per tutti

22 febbraio 2008

Ho rilasciato un'intervista a Blogosfere in cui ci viene riconosciuto il lavoro svolto per rendere il Partito democratico protagonista assoluto del mondo del web politico italiano, clamorosamente superiore agli sforzi analoghi compiuti dai rivali del centrodestra nello stesso territorio. E' questo lavoro, avviato molti anni fa quando innalzammo il simbolo della chiocciola, lo piazzammo sulle schede elettorali (amministrative 2001, l'esordio) teorizzando che il futuro della democrazia fosse nella Democrazia Diretta, che oggi trova compimento nel Pd. Sette anni di fatica, qualche irrisione e tanto entusiasmo, figlio di una convinzione profonda.

Le primarie dell'ottobre scorso hanno visto tanti direttisti ritrovarsi protagonisti: giovani e giovanissimi che sarebbero stati semplici spettatori, sono oggi rispettati dirigenti locali del Pd grazie all'esperienza di Generazione U. Io ho avuto l'onore di essere tra i cento che hanno scritto lo statuto del partito, tra i cento che il 3 marzo prossimo voteranno le liste per il Parlamento, grazie al mio ruolo di membro del Coordinamento nazionale del partito. Il nostro forum tematico è il più vivace e, insomma, non siamo direttisti pigri. Lavoriamo con la vanga e la tastiera.

Siamo direttisti e in questo fine settimana avremo i nostri caucus (strumenti puro di democrazia diretta) nei circoli del Pd. Luigi ha inventato una campagna e Mauro ha proposto di portarla nei caucus domenicali. Mi pare una buona idea. Siamo direttisti perché la nostra idea è partire sempre dal basso: partiamo da un blog, passiamo da un circolo. Anzi, da tanti blog e da tanti circoli.

Mauro ieri m'ha chiesto a bruciapelo se ero emozionato dalla mobilitazione avviata in pochi minuti da Luigi. Ho letto i dieci motivi di Timoteo, gli altri dieci di Lorenzo, Alessio che mi paragona a Saviano, Marco che cita gli scapigliati, l'altro Marco che teorizza, Tonia che riprende, il Mare di Stelle e Cristian che tirano fuori tutta l'irruenza, rileggo Luca, Andrea, Enzo, Francesco, Filippo, Scrooge, Ottavio, Francesco. Cavolo, siete tanti, come facevo a non emozionarmi, Mauro.

Mi emoziona soprattutto lo slogan che Luigi ha piazzato sul banner.



Ecco, Uno per Tutti è uno slogan che mi ha emozionato. Vuol dire che davvero non è stato un esercizio inutile. Grazie. D'altronde sugli slogan siamo bravini, no?

Si può fare. Continuo a pensare che non sia importante, che la politica si fa anche da altri ambiti che non siano quello parlamentare, che ho un bel lavoro che soddisfa ego e portafoglio, che farei fatica a lasciare. Ma se i direttisti, partendo dal basso, riusciranno in questa impresa combattuta a mani nude dai loro blog, io non mi tirerò indietro. Se non ci riusciranno, il 4 marzo 2008 (curiosamente a 23 anni esatti dal mio ingresso nella militanza partitica) comincerà il secondo tempo della mia vita.

Che è bella come un film, grazie al fatto che ho scelto di non vivermela da solo.




permalink | inviato da marioadinolfi il 22/2/2008 alle 9:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (215) | Versione per la stampa

sfoglia
  
In onda su RED

www.redtv.it
Cerca
Info del giorno
Sondaggio
La durata di Silvio

Create polls and vote for free. dPolls.com


--