Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Donne a Las Vegas

Il poker alla texana, che si gioca con due carte in mano al giocatore e cinque carte sul tavolo come fossero "vele" di una telesina, prevede 133 milioni di possibili combinazioni. E' un gioco impropriamente definito d'azzardo, si basa piuttosto su calcoli anche raffinati. Ai campionati del mondo che sto giocando a Las Vegas si compete su molte diverse discipline pokeristiche, ma io preferisco decisamente la texana, per ragioni intuibili.

Al tavolo 129 ho trascorso ore durissime, giocando in una fase anche da chip leader. Poi, su questa mano, il dubbio.

Il dealer (il tizio che gli organizzatori pagano per darci le carte e scoprire quelle sul tavolo) mi manda due begli assi. Quando scopre le prime tre carte sul tavolo, appare un altro asso, un sette e una donna. I miei tre assi sono decisamente vincenti e punto forte. Vanno via tutti, tranne un signore grossissimo (se lo scrivo io, immaginatelo molto grosso) con gli occhiali a specchio e un barbone che lo piazzava in equilibrio tra Karl Marx e il leader di una banda di possessore di Harley Davidson. Lui, il Barbone, segue la puntata. La quarta carta in tavolo scoperta non serve a nessuno, per capire bene le intenzioni del Barbone faccio check (gli passo la parola). Fa check anche lui. Si scopre la quinta carta. Un'altra donna.

Ora, dovete darmi una mano. Con due donne sul tavolo, all'improvviso compare nella mia mente una, una sola combinazione che batterebbe il mio full d'assi con le donne. Se lui ha due donne in mano, con le due sul tavolo fa poker.

Una sola combinazione mi batte sulle 133 milioni offerte. Io ci penso, il rischio sale con le pulsazioni, il Barbone pronuncia una frase incomprensibile in dialetto del Wisconsin o da dove diavolo viene. Lui piazza un ghigno. Io non reggo e faccio "all in", mi gioco tutto.

Secondo voi come va a finire questa storia? Voi come l'avreste giocata, questa difficile mano?

Domani vi racconto il finale di partita.

Pubblicato il 1/7/2007 alle 0.44 nella rubrica GOSSIP E FATTI MIEI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web