Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Diario di un candidato alle primarie - Day 10

E' stata una bella giornata. Un articolo davvero sontuoso di Valentina Ascione sul Corriere Laziale m'ha messo di buon umore. Valentina segue da vicino la nostra campagna per una tesi di laurea assegnata dall'università che sarà dedicata proprio all'esperienza ADINOLFI '07 e al comitato Si Può Fare. Dopo averci monitorato per dieci giorni, ha piazzato un pezzo sul suo giornale davvero scritto magistralmente. Complimenti.

Gioia anche dalle agenzie di stampa, dove è arrivato in mattinata un take di grande significato. Leggiamolo insieme.

PD. RENZI: ANCHE GRAZIE AD ADINOLFI GIOVANI ALLA RISCOSSA
(DIRE) Roma, 27 lug. - "Grazie anche alla candidatura di un trentenne come Mario Adinolfi, per le primarie del Partito democratico si iniziano a smuovere i giovani, che secondo il sondaggio del Corriere della Sera sono tra i piu' interessati alla novita'". Lo dice Matteo Renzi, trentenne presidente della provincia di Firenze ed esponente della Margherita.
Renzi spiega che "secondo la rilevazione di Renato Mannheimer le nuove generazioni sono tra le piu' attive nel guardare con curiosita' al nuovo progetto e parallelamente la percentuale degli intervistati che voterebbero per Adinolfi non e' troppo lontana da personalita' affermate e 'famose' come Furio Colombo, Enrico Letta e Marco Pannella. Certamente in questo influisce la decisione di aver aperto il diritto di voto anche ai sedicenni".
Il sondaggio, aggiunge l'esponente Dl, "ci fa capire una cosa importante: se si impegnano, i trentenni e i ventenni ce la possono fare. La strada resta difficile, le regole per le candidature non aiutano, ma siamo solo all'inizio e qualcosa si muove. Adesso tocca ai mezzi di informazione, a partire dalle televisioni, fare la loro parte: diano a tutti i candidati gli stessi spazi e pari opportunita', considerando che si tratta di una competizione non regolamentata come le normali campagne elettorali".

Sottolineo l'importanza vitale dell'ultima frase. Intanto io ho risposto tramite agenzia, ma voglio ribadire qui che il gesto di Carlo Fayer ieri e quello di Matteo Renzi oggi, due miei coetanei con ruoli assai rilevanti (il primo capogruppo della Lista Veltroni, il secondo enfant prodige della Margherita, presidente della provincia di Firenze), stanno a significare che è possibile costruire una solidarietà generazionale anche partendo da opzioni politiche diverse. E' un segnale più importante di quanto possa sembrare, potrebbe cambiare addirittura il senso delle primarie del 14 ottobre.

I conteggi sono a posto. Chi deve inviare da fuori Roma i moduli lo faccia oggi o mai più (Mario Adinolfi, via Monterone 82, 00186 Roma). Solo i romani hanno tempo fino alle 23 di domenica (se consegnano a mano).

Poi, sarà chiusa per tutti. E da lunedì parte la seconda fase della nostra sfida. Quella in cui mi aspetto che ognuno di voi voglia giocare, insieme a me, il ruolo di coraggioso protagonista. Per la nostra generazione umiliata, per la democrazia diretta, per le nostre idee programmatiche, in nome di quel che sarà.

Ma avremo tempo per parlarne.

Pubblicato il 28/7/2007 alle 0.1 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web