Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Le facce nuove

Non possiamo ancora dirlo ufficialmente, ci sono riunioni fissate per domani per dare il patentino di "candidato concorrente". Ma ufficiosamente ce l'hanno detto: siamo dentro. Generazione U competerà alle primarie del 14 ottobre. Dopo Colombo, Pannella, Cangini, Di Pietro, Rutigliano la corsa perderà probabilmente un altro maratoneta, Jacopo Schettini, bloccato perché non ha superato il limite minimo di liste presentate. Forse per lui verrà cercato un escamotage. Resta il fatto che noi abbiamo superato anche questo ultimo ostacolo nella strada verso il 14 ottobre.

Possiamo dirlo: ce l'abbiamo fatta.

Chi siamo? Siamo la Generazione U. Che non si è arresa davanti all'immensa fatica o alla voglia dire vaffanculo e basta, tentazione forte. Siamo quelli che ora si concentreranno in quasi tutte le regioni d'Italia per far fare bella figura ai nostri ragazzi più motivati: gli ormai famosi biellesi, Alessandro di Alessandria, Tiziana di Arese e Tiziano di Busto, Dario a Bologna, Andrea ad Ancona, Leonardo e Antonio e Alessio in Toscana, Timoteo in Umbria, Massimo in Puglia, Ottavio a Potenza, Francesco in Calabria. Poi ci sono i gruppi straordinari del Lazio e della Campania, dove siamo tanti e determinati, dove abbiamo fatto miracoli coprendo il territorio palmo a palmo.

Chi siamo? Siamo le facce nuove, le facce pulite. Quelle del nostro grande Marco, di Raffaella che abbraccia suo figlio di poche settimane, di Luigi che ha vent'anni e solo grazie a un gruppo come Generazione U ha capito che si può fare davvero.



L'articolo del più diffuso quotidiano locale abruzzese ci racconta una strategia. Sono le vostre facce, ora, che testimonieranno quello che di grande abbiamo fatto. Raccontatelo ai media locali chi siete, cosa avete fatto e perché. Siete le facce nuove del Pd. Le uniche. E il nostro obiettivo ultimo, ora, è farle diventare protagoniste di una bella raccolta di consenso. Eravamo pochi, ora siamo migliaia e in migliaia di voti si rispecchierà la vostra bella faccia pulita e nuova.

Dite chi siete con il vostro volto. Basta e avanza.








E io? Chi sono io? Sono quel tizio lì, quel Bud Spencer raccontato da Timoteo in un post che mi ha ripagato di una qualche fatica sopportata in queste settimane.

Forza ragazzi. Non è un esercizio inutile.


Pubblicato il 25/9/2007 alle 19.46 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web