Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

De Gregori, uno di noi

Non ditemi che l'ha cantata per caso, in chiusura, da Fazio.



Nel giorno in cui Veltroni ci comunica da Milano che tra cinque anni pensa di riprovarci lui e di vincere per sovrappiù, forza Francesco, uno di noi.

(dall'intervista rilasciata da De Gregori ad Aldo Cazzullo sotto primarie: "Veltroni si presenta come un uomo nuovo, ma lo è fino a un certo punto. Veltroni è uomo navigato. Ha percorso abilmente la politica italiana degli ultimi trent'anni. Ora la sua candidatura è stata avanzata e sostenuta da poteri forti e consolidati, sempre gli stessi degli ultimi decenni. Non è l'homo novus tanto atteso". Poi, profetico: "Tutti parlano di modello Roma. Ma Roma mi pare sempre più una città che cerca di nascondere lo sporco sotto il tappeto. I grandi problemi di una grande città — traffico, sicurezza, legalità — sembrano più spesso elusi, che affrontati e risolti. Roma è raffigurata come il fantabosco. Non è così. La cultura è migliorata; ma la cultura è una ciliegina sulla torta. Non si fa una torta solo con le ciliegine, e non se ne parla parlando solo di ciliegine")

Pubblicato il 24/5/2008 alle 23.53 nella rubrica MEDIA E SPETTACOLO.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web