Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Vecchio stile

Ma avete mai ascoltato di seguito le canzoni di notte di Guccini? Sono tre e quando è quasi l'alba o nei tempi bui servono a capire meglio.

Questa è la prima, scritta nel mio anno di nascita (1971), francamente la peggiore delle tre...

c'è ancor tempo per pensare, per maledire e per versare il vino,
per pianger, ridere e giocare e il giorno sembra ormai così vicino,
e il giorno sembra ormai così vicino





La Canzone di Notte numero 2 è la più bella ed è di più trent'anni fa (1976)

e poi, voi queste cose non le dite,
poi certo per chi non è abituato pensare è sconsigliato,
poi è bene essere un poco diffidente
per chi è un po' differente

Ma adesso avete voi il potere,
adesso avete voi supremazia, diritto e Polizia,
gli dei, i comandamenti ed il dovere,
purtroppo, non so come, siete in tanti e molti qui davanti





Infine la Canzone di Notte numero tre, che ha solo ventun'anni...

ogni giorno riapro i vetri e alzo le vele, se posso prendo,
quando perdo non sto lì a mandar giù fiele e non mi svendo
e poi perdere ogni tanto ci ha il suo miele
e se dicono che vinco stan mentendo

perchè quelle poche volte che busso a bastoni,
mi rispondono con spade o con denari,
la ragione diamo e il vincere ai coglioni, oppure ai bari,
resteremo sempre a un punto dai campioni (tredici è pari),
ma si perda perchè siam tre volte buoni
e si vinca solo in sogni straordinari...






Questo è un post personale e politico.

Pubblicato il 28/10/2008 alle 13.9 nella rubrica GOSSIP E FATTI MIEI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web