Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Il Pd è per il no al matrimonio gay

Inevitabilmente, ad ogni fase congressuale di partito, rispunta l'annosa questione del matrimonio gay e ti devi sorbire le solite domande e dare le solite risposte. Per farla breve. Il Partito democratico è per il no al matrimonio omosessuale: non è la posizione di Paola Binetti. No. E' la posizione di tutto il partito: lo ha dichiarato Bersani, lo pensa Franceschini, lo penso io e lo pensa anche il neocampione della laicità Ignazio Marino. Se non mi credete, chiedeteglielo.

Anche se qualcuno lo scimmiotta, nessuno di noi è Zapatero, consideriamo tutti la linea Zapatero sbagliata perché attraverso il matrimonio ha aperto la strada alle adozioni di bambini da parte delle coppie gay. Io ve la dico piatta, così com'è, altri ci metteranno un po' di zucchero sopra, ma questa è l'opinione di tutti i candidati alla segreteria del Pd, è la linea del partito in materia. E Ignazio Marino, sarà bene ricordarlo a qualcuno che si fosse distratto, è un cattolico e come cattolico crede che il matrimonio sia l'unione resa sacra da Dio tra un uomo e una donna. Però se pensate che io mi sbagli, potete fargli qualche domanda direttamente, magari il neocampione della laicità sorprende tutti e abiura.

Altra cosa i Pacs, altra cosa i Dico, su cui siamo tutti d'accordo.

Potremmo considerare archiviata la questione e confrontarci su temi di distinzione tra le piattaforme politiche che sono davvero all'ordine del giorno?

Pubblicato il 9/7/2009 alle 8.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web