Blog: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it

Il caso Dino Boffo

La storia di Dino Boffo, direttore di Avvenire, e dei suoi rapporti omosex sfociati in una condanna per molestie era nota ai giornali da almeno cinque anni e ai lettori di questo blog da tre.

Il titolone con cui Il Giornale di Vittorio Feltri, per primo, ha rotto un muro di omertà attorno a questa vicenda chiama in causa ipocrisie e giornalismi all'italiana.

L'ipocrisia di Boffo, certamente. Il giornalismo all'italiana di chi picchia con una legnata terrificante il responsabile di una campagna di stampa contro i comportamenti del Cavaliere, ma anche il giornalismo all'italiana di chi sapeva e fino ad oggi ha taciuto e tolto dalle pagine articoli che sarebbero stati imbarazzanti.

Come scrivevo ieri, la trasparenza è la vera arma vincente. Ma non è cosa italica, la trasparenza.

A Dino, con cui ho lavorato, un pensiero cristiano in questa ora che sarà comunque per lui di dolore e vergogna.

Pubblicato il 28/8/2009 alle 11.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web